THE STORE

Vinylbrokers è molto più di un classico negozio di dischi vecchio stampo.
Non è facile pensare a un negozio di dischi che apre nel 2006, quando il crollo del supporto fisico nel mercato discografico è ormai una realtà, subendo inesorabilmente la diffusione di massa del formato digitale.
Ma la visione di Paolo Rey e Alex De Ponti, ideatori di Vinylbrokers, è fin dall’inizio quella di proporre un nuovo modo di vendere il vinile, riuscendo a coniugare da un lato una vasta scelta di dischi usati, e dall’altro mantenendo dei prezzi molto bassi, spesso competitivi anche con quelli degli stessi mp3.
Questa è la formula vincente che ha fatto conoscere Vinylbrokers in questi anni a un pubblico internazionale, riuscendo ad avere prezzi sostenibili anche per i più giovani che da poco si affacciano al mondo del vinile. E grazie ad una rotazione di oltre diecimila dischi al mese (principalmente stampe americane), ogni settimana si possono trovare sempre nuovi arrivi, cosa che per un negozio di usato non è così scontata.
I generi in vendita sono diversi, dal soul al jazz, dal rock alla disco-funk, dal pop alla dance ed elettronica dei giorni nostri, sia singoli in dodici pollici, sia Lp. C’è anche una sezione dedicata al vinile nuovo, ristampe di classici del passato, nuovi album di artisti che ancora stampano in vinile, o alcuni singoli legati al mondo dell’house/elettronica di dj produttori che rimangono fedelmente legati al mondo del dodici pollici.


PhMeschina-0146